Suonare in casa senza disturbare

La vita in condominio può avere i suoi vantaggi, la sensazione di avere sempre qualcuno a cui chiedere un favore in caso di necessità immediata non è cosa da poco, spesso si creano anche amicizie e un legame forte tra gli inquilini di un palazzo.

Altre volte invece la vita condominiale può essere un vero e proprio incubo, fatto di persone poco comprensive, battaglie verbali che nascono durante le riunioni di condominio e ovviamente i classici rumori molesti che poi sono quasi sempre causa dei diverbi più accesi tra condomini.

Purtroppo alcuni palazzi hanno le mura che sono spesse come delle sottilette e quindi non isolano i rumori, un problema se per esempio la vostra camera da letto è adiacente al salotto del vostro vicino che magari guarda la televisione a rumore moderato, ma a voi sembra di avercela in casa vostra.

Musicisti, questi casinari

Una soluzione un po’ dispendiosa, ma allo stesso tempo funzionale per evitare disguidi è quella di insonorizzare la propria casa sia se siamo noi quelli rumorosi, sia se siamo quelli a subire gli schiamazzi e gli alti volumi dei vicini.

Oltre ai disturbi sonori che si possono avere all’interno del condominio, se si abita su una strada trafficata potrebbe essere un’altrettanto piacevole soluzione, così eviterete di essere distrubati dal rumore causato dai mezzi di trasporto, dai lavori in corso e dagli schiamazzi notturni.

I primi che dovrebbero davvero pensare a insonorizzare parti della casa sono sicuramente i musicisti che per passione o lavoro hanno bisogno di tenere il volume degli strumenti un filo alto.

Il volume degli strumenti elettrici è regolabile, ma per far uscire suoni migliori bisogna per forza tenerlo un filo alto, cosa che specialmente nei fine settimana può essere abbastanza seccante per i vicini che vogliono riposare, a meno che non siano dei vostri fan che non aspettano altro che i vostri concertini casalinghi.

Se siete dei maestri e date lezioni di musica l’insonorizzazione è davvero indispensabile, visto che suonerete insieme ai vostri allievi in qualsiasi ora del giorno. C’è anche chi decide di costruirsi un proprio mini-studio di registrazione in casa, certo che farlo in un condominio può non essere l’idea migliore ,ma con una buona insonorizzazione si può fare anche quello.

Poveri batteristi!

Per i batteristi invece il gioco si fa molto più duro dato che suonano uno degli strumenti più rumorosi e insonorizzabili inventati dall’essere umano.

Molti batteristi si limitano ad avere in casa un pad che simula il rullante o una batteria elettronica che si può suonare con le cuffie, nel caso si voglia utilizzare una vera batteria in un condominio bisogna davvero mettere mani al portafogli (e dopo anche nei capelli probabilmente) per l’insonorizzazione della stanza dove si suona.

Anche se a detta di molti musicisti non sempre si riescono ad ottenere risultati soddisfacenti e si rischia di ritrovarsi alla porta il vicino con le “pale boomerang” girate anche se si è speso un patrimonio.